• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagamenti contactless: il punto su Apple Pay, Android Pay e Samsung Pay

Contactless Payments

Una ricerca condotta da Trustev mette a confronto l'adozione e l'uso dei servizi di pagamento con dispositivi mobili.

Trustev ha intervistato 1.000 persone che usano un iPhone 6, 6 Plus, 6S, o 6S Plus e 1.000 persone che utilizzano un Samsung Galaxy S5 o S6. L'obiettivo dell'indagine era quello di identificare chi avesse usato i pagamenti contactless utilizzando il proprio dispositivo Apple o Android, mettendo in luce eventuali problematiche riscontrate, la semplicità di utilizzo, nonché i motivi che ancora ostacolano l'adozione di questi sistemi di pagamento.

La ricerca di Trustev, condotta negli Stati Uniti, ha messo in luce che il 20% dei consumatori in possesso di un iPhone abilitato ad Apple Pay (serie 6 e 6S) hanno già provato il servizio di pagamento mobile. Per quanto riguarda i possessori di un Galaxy S5 o S6, invece, la percentuale di chi ha provato Samsung Pay o Android Pay scende al 14%.

Inoltre, è stato rilevato che il 56% di coloro che hanno provato Apple Pay, lo usano una volta nel corso di una settimana “standard”, mentre 15% solitamente non lo usa. Nel caso di Samsung, il 36% lo usa una volta nel corso della settimana, contro un 38% che dichiara di non usarlo.

Solo un piccolo numero di dispositivi in commercio supporta Samsung Pay, che è stato lanciato da poco. Per questo, Trustev ha combinato Android Pay e Samsung Pay in un unico gruppo.

La metà di coloro che hanno un iPhone e un'età compresa tra i 18 e i 34 anni ha trovato Apple Pay "molto facile da usare", mentre il 2% lo ha trovato "difficile". Nella fascia di età compresa tra i 35 e i 65 anni, il 59% lo ha trovato "molto facile" da usare e solo l'1% difficile. Il 2% di entrambi i gruppi di età lo ha trovato "molto difficile" da usare.

Nel caso di Samsung, il 48% di utenti, di entrambi i gruppi di età, ha trovato Samsung Pay "molto facile da usare” e l'1% di entrambi i gruppi di età lo ha trovato "difficile"; mentre il 3% dai 18 ai 34 anni di età ha detto che è "molto difficile" da utilizzare così come il 2% dei consumatori tra 35 e 65 anni.

Per quanto riguarda le motivazioni, coloro che non hanno mai usato Apple Pay si suddividono in:

  • il 35% ha dichiarato di non essere interessato a questo utilizzo;
  • il 21% non conosceva la funzionalità;
  • il 19% non sa come usarlo;
  • il 10% ha dichiarato che non è una modalità di pagamento ampiamente accettata;
  • l'8% ha dichiarato che non intende condividere la propria impronta digitale;
  • il rimanente 3% cita altri motivi.

Sul non utilizzo di Samsung Pay o Android Pay invece, gli utenti si sono suddivisi come segue:

  • il 39% non è interessato alla funzionalità;
  • il 29% non la conosceva;
  • il 17% ha detto di non sapere come usarlo;
  • il 10% ha detto che non è ampiamente accettato
  • il 3% è suddiviso in altri motivi.

Rurik Bradbury, Chief Marketing Officer di Trustev, ha dichiarato che quello che è stato rilevato è che l'adozione di questi pagamenti in modalità contactless è ancora all'inizio. Anche se sono metodi di pagamento più sicuri e contribuirebbero a prevenire le frodi, i consumatori sembrano ancora affezionati alle “vecchie” carte di credito. Le abitudini sembrano dure a morire.

Ti potrebbero interessare anche...

PayPal lancia il

PayPal si prepara a lanciare una nuova versione del suo POS, il PayPal Here,

Barcellona

La città di Barcellona sarà presto dotata di oltre ottomila punti informativi

Startup USA porta

Una startup statunitense ha aggiunto un Tag NFC nei marcapalla per il gioco del

Pagamenti

Una ricerca condotta da Trustev mette a confronto l'adozione e l'uso dei

L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Proseguendo nella navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni